Logo Collezione

…Quegli oggetti, oggi, dimenticati…

Roselline, Pop Corn, Ragni e CENTRATORI

Roselline…?
Pop Corn…?
Ragni…?
…Suonano…, …pure loro?
Siamo scentrati, altro che “Centrati” …No!
E… …allora?

Per capire bene il significato bisogna leggere il tutto e fare un passo indietro! Ieri pomeriggio (26/05/11), la mia Signora (Anna, nonchè Sciá), da una normale scatola in dispensa, estraeva una busta bianca (alt! A dire il vero, c'erano un paio di righette blu su un lato)! L'involucro si presentava davvero piatto, senza particolari ed evidenti annotazioni strane, tanto che, lí per lí, non faccevo caso ai movimenti di mia moglie.
Ad un certo punto, come niente fosse, infilava la busta nel forno micro-onde!
Battutaccia (mia) da cancellare:
«Vuoi cuocere la bolletta al posto del bollito?» (Pessima, lo so! …non fate quelle facce…)!

Al contrario la Sciá mi rispondeva tranquillamente e con un sorriso rassicurante: «Aspetta e vedrai»!
Passavano pochi secondi dalla mia calda, freddura, quando quella bolletta cominciava a gonfiarsi; dopo qualche altro istante, in cucina, si alzava un delizioso ed accattivante profumo di Pop-Corn, condito dal tipico e allegro scoppiettio del mais, che il calore trasformava in classiche e squisite nuvolette biancastre da mangiare una dopo l'altra.

Restavo letteralmente a bocca aperta; tra i miei pensieri:
«…anche mia nonna usava quel metodo…».

Quando si dice, peró, "…non tutto il male viene per cuocere"! Ehm! "nuocere"!

Mi sono, allora, fermato di quel poco per considerare che, al giorno d'oggi, i nostri stessi figli, si meravigliano se raccontiamo di quando le cose si facevano in tutt'altro modo (chissá, noi stessi, quante ne abbiamo dimenticate nella nostra moderna vita frenetica)! Oggi siamo fortunatissimi: alcuni contemporanei e acutissimi cervelloni, nonchè scienziati, hanno appositamente inventato alcuni distributori che, se il cliente si reca con una propria bottiglia, riesce a riempirla di latte fresco, senza buttare il contenitore, diminuendo la quantitá di spazzatura… … …!
La scoperta dell'America: non piú di quaran'anni fa, la normalitá, era andare dal lattaio (non al Super Market, Centro Commerciale o all'Edicola all'angolo) che, in cittá, ritirava il vuoto (vetro riutilizzabile) vendendoti la bottiglia piena, in campagna, invece, prelevava il latte da un apposito otre in rame, riempiendo la bottiglia del nettare, a sua volta, ancora caldo perchè munto da poco!
Sorrido quando, uno spot di questo periodo, propina un bimbo (simpatico, per caritá) che bevendo il suo latte in una casa con tutti i confort immaginabili, candidamente e con le labbra imbiancate di latte, pronuncia il fatidico:
«…È quello della Lola»!
Chissá se quel fanciullo vedesse davvero uscire da una stalla qualsiasi una vera mucca, anche la stessa Lola, continuerebbe indifferente a tracannare dalla sua tazza, con quel simpaticissimo sorriso a…!

Assorto in questi pensieri, mi sono allora detto:
«Quanti oggetti, una volta di una quotidianitá impressionante, oggi sono sconosciuti?»

Molti, ne sono sicuro!

Il campo musicale, difatti, non fa eccezione: la moderna digitalizzazione di ogni apparecchio (da qualche tempo possiamo mandare in giro la nostra auto da sola; tra poco digitalizzeranno aria e acqua…!) ha cancellato operazioni e manualitá per tutti semplicissime; quante azioni elementari (vogliamo magari pensare al risultato di 7x8 senza calcolatrice o cellulare?) sono sconosciute ai giovani o, da noi stessi, dimenticate? Il progresso è bello se usato con parsimonia; il passato ce lo insegna!
Iniziamo, allora, un piccolo viaggio a ritroso, rispolverando alcuni oggetti di uso normale finiti chissá dove; un racconto che, magari, appassionerá qualche junior, ma rinverdirá la memoria di noi quaranta/cinquantenni e oltre…

Una menzione particolare meritano le Roselline (almeno, io le ricordo con questo nome)!
Qualcuno le ricorda? Erano usate nei 45 giri.
Cosa sono?

Ecco un'esempio di Rosellina e del suo unico scopo:

Foto di una Rosellina 45 con Rosellina

Chi, tra i lettori, ricordava davvero questo piccolo oggetto di plastica? (…mi mandi una foto con la mano alzata)!
A cosa servivano?
Bisogna tornare verso la metá degli anni '50 e per buona parte dei '60, quando i costruttori di giradischi (badate bene, giradischi, non piatti), fecero a gara per automatizzare, quanto in loro potere, i propri prodotti; una delle agevolazioni che ebbe grande seguito fu il poter mettere una pila di dischi, uno sull'altro e riuscire ad ascoltarli senza il noioso "togli/metti", ogni volta che un disco finiva.
Penso che molti sanno che ogni 45 giri è, normalmente, forato al centro: come poterli mettere uno sull'altro? Ecco, finalmente, venire in aiuto la rosellina: facilmente inseribile, allo stesso tempo da togliere, permetteva di impilare sul fusto alto del giradischi circa dieci singoli.

Bisogna aggiungere alcune cose, a completezza dell'argomento:

Nel mondo discografico furono messi in circolazione, quindi, questi piccoli oggettini circolari che qualche negoziante serio regaló, magari dopo una personalizzazione col proprio marchio; altri, invece, se li fecero pagare ma, come vuole ogni buona tradizione, furono costruiti nei modi piĆ¹ disparati.
Oltre alla semplice esposizione vorrei, qui, redarre e far nascere il primo catalogo delle roselline, descrivendo e illustrando l'insieme dei tipi diversi di questo piccolo oggetto al quale, nessuno, ha dedicato qualche volta importanza.

Da Cuneo mi è arrivata una e-mail di Luca; in questa mi riferisce che gli oggetti, da me, conosciuti «ROSELLINE», lui li ha sempre chiamati «RAGNI», ma il nome tecnico è «CENTRATORE», definizione che conferma le parole di Roby di Brescia, che me l'aveva accennato qualche sera fa: «…Orco Cane! …ma non ne sono sicuro…! Orco Cane! (uno piú, uno meno…)!». Luca ha, quindi, convalidato i pensieri di Roby definendo le roselline col loro vero nome: difatti nel suo "ragno nero" è stampato «CENTRATORE FRAMEZ». Ho aggiornato, quindi la tebella relativa, aggiungendo altri due meodelli piú quello di Luca.

A tutti gli appassionati: andate a godervi il FAVOLOSO Le Radio di Sophie.
Dallo stesso sito, un giradischi eccezionale: vai al giradischi.

ARGOMENTO PAGINA
Centratori, Roselline, Ragni, Clicca qui.

Pagine

4 Domande…
A passeggio con Luca
Amici ESCC/79
Archivio
Collane '70
Dedica dal Cuore
Essere o Non Essere?
Canzoni al G. Canyon
Il CICoM
Il Disco ESCC/79
Indice Brani
Enciclopedia Marchi
La Mia Storia
Le mie Ricerche
Oggetti Dimenticati
Aggiornamenti in Sequela.
Tram e Canzoni
Un Libro, Un Book
Un Tocco di Jazz
Una nota qui, una lá

Articoli

Vai alla Home Page ESCC/79.

Vai alla Pagina le Nostre Recensioni.