Logo Collezione

A passeggio con Luca

Parte 1

icona Dante Alighieri

Nel mezzo del cammin di nostra vita,
mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era…

Cosa? Vi sembra esagerato? Vi consiglio di seguirmi…

(a destra, il severo ritratto di Dante Alighieri, controlla la sua epica e le nostre elucubrazioni).

(ritratto dal portale enciclopedico europeana, Vai alla Home Page EU).

Ciao Luca. Lo so: c'è un'umiditá "raccapricciante", ma perchè non approfittiamo per una piacevole chiaccherata?
Ciao Paolo, Volentieri! Pensi davvero che qualcuno “perda tempo” nel leggere “'ste robe”?
…Contento tu…!

Dante, Virgilio, Selva Oscura, bella rappresentazione

(sopra, Dante, Virgilio e la Selva Oscura; sotto Luca, io e il sottobosco musicale: bella similitudine?).

(rappresentazione "rubata" al sito della Dott. Carla Glori, Vai alla Home Page CG).

Mah! Potresti avere (come sempre) ragione: peró siamo di fronte ad una situazione simile ai due grandi poeti di cui alla foto sopra. In questa nostra "Divina Passeggiata" (tu Virgilio ed io il “povero” Dante) potremo trovare un “Trait d'Union” tra le nostre conoscenze discografiche. Nelle mie domande e tue, conseguenti, risposte sono celati numerosi particolari anche insignificanti ma, ad occhi attenti, interessanti per chiunque.
Comincerei, difatti, con una domanda "tecnica" a sbirciare tra la «Selva Oscura»; racconteresti ai lettori quali ragioni ti hanno fatto dimenticare (tra le righe della discografia delle Prugne elettriche) e, all'epoca, portato a comprare un bellissimo 33, qual'è tutt'oggi quello dei Corvi?

Dimenticanza, semplice dimenticanza, come lo scordare il portafoglio a casa! Se un giorno mi illumineró in tal senso, racconteró con piacere come acquistai quel 33 giri; ci sta anche che possa spiegare «come» me ne sia dimenticato, pur reputandolo il miglior 33 giri beat italiano.

foto 33 corvi
(a sinistra, il fantastico 33 di Luca).

il grande Beniamino

(a destra, una bella foto dell'artista chiamato, ora, in causa).

Bene: ti ho strappato questa promessa;
ma è vero che sei riuscito ad avvicinare ed, addirittura, intervistare il grande Beniamino (Mino) Reitano
?
L'intervista a Mino Reitano, o meglio, al Grande Mino Reitano; quasi non la ricordavo! Giá…! …Chissá che fine ha fatto. Credo proprio si trovi sul vecchio PC che, come ti ho detto altre volte, è sepolto sotto cumuli di roba (dischi, spartiti, poster, eccetera) in garage…

Pssst, psssst! Resti tra noi ma, riuscite per un attimo ad immaginare cosa e quali tesori, Luca, ha in casa? Altro che caverna di Alí Babá (…Nooo! Non le leccornie napoletane)! …E vá bene! Lui ha sritto garage ed io casa: ma il risultato…

…, dicevo, il giorno in cui mi tornerá la voglia e passerá…

…passerá, aa, vedrai che passerá, aa: Luca che ne dici? Indiciamo una Lotteria di Capo… Riccardo Sanna? A buon intenditor…

front cover 45 vedrai che passerá, Ricky Gianco front cover 45 vedrai che passerá, Ricky Gianco

(in alto, front/retro cover, 1º e raro 45 targato Clan, precisamente l'Acc 24000, di un giovanissimo Ricky Gianco [notate, peró, come risulta il nome sulla copertina]).

Va beh! Credo dovró rassegnarmi nel vedere comparire la tua passione celentaniana dopo qualsiasi parola…
…Dicevo, comunque, quando finirá questo caldo becco lo tireró fuori… (olaaa! Fermi tutti: il vecchio PC, cosa credevate?)…! Ricordo che l'avevo fatta a Carmagnola, una sera che Reitano era venuto a cantare per una fiera (o qualcosa del genere), grazie ad un mio amico calabrese, a sua volta amico del fratello dell'artista (o qualcosa del genere).
Fattostá che fu carinissimo! Chiacchierammo a lungo: difatti, ho un bellissimo ricordo. Una persona di una modestia e disponibilitá commoventi! Sembrava il vicino di casa che conosci da sempre…! Davvero una persona gentile, semplice, direi tenera quanto un dolce bimbo! Pensa: mi sto commuovendo ancora adesso mentre scrivo, perchè erano molti a criticarlo per questa sua apparente sotto-cultura musicale. Era, al contrario, uno che non aveva nulla da imparare; da nessuno
.

Penso si sia "venduto" (a livello artistico) male (difatti io stesso che ho sempre ammirato la sua “verve”, certe volte ho criticato alcune sue video-apparizioni), nel senso che la sua spontaneitá e timidezza lo hanno frenato nei momenti favorevoli e, purtroppo, ridicolizzato nei tempi peggiori. Che ne pensi?

Alberto e Piero Angela

(a sinistra, in ordine prettamente alfabetico, Alberto e Piero Angela nello studio della trasmissione televisiva). Mah! …Misteri d'ambiente! Forse ci vorrebbe un consulto di Piero e Alberto Angela, in una puntata di «Super Quark»…! Mi ricordo che giá allora circolava la battuta:

«Mino Reitano ricorda di avere suonato ad Amburgo con i Beatles e lo ha raccontato a tutti;
i Beatles non ricordano assolutamente di aver suonato con Mino Reitano ed, inoltre, non lo hanno mai raccontato a nessuno…
».

A queste parole, lui, si era messo a ridere dicendo che era vero, ma che comunque, almeno allora, si conoscevano abbastanza bene…, pur interpretando stili diversi. Beniamino aveva creato un gruppo con i suoi fratelli, con cui esibiva un genere musicale dalla classica melodia all'italiana a successi internazionali, contro il veemente beat-inglese dei Fab 4.
Se non mi sbaglio, mi aveva anche detto che all'epoca avevano giá inciso dei dischi in Germania, quindi, proprio nessuno, non era/erano… …Ok, la devo cercare! Vedró domenica (domani; [10/08/2011, N.d.r.]) se riesco a entrare in garage e recuperare qualche oggetto a riguardo della “Divina Passeggiata” e, conseguentemente, per il sito; ma se non ricevi mail nei prossimi due giorni ti prego di avvisare la Protezione Civile in modo che vengano a cercarmi nel BlobGarage.

Ah…: dí loro che portino i cani…

Penso che potremmo riunirci e dedicare (alla ricerca di un certo Luca Botto da Sommariva) una puntata speciale di “Chi l'ha Visto” (per l'occasione ri-condotto dall'eccezionale Donatella Raffai, con il consulto dell'austero Carlo Lucarelli), da cui trarre un serial triller in ben 14 puntate intitolato, “Profondo Blu Notte: I Misteri del Garage di Luca”…! Naturalmente musica prettamente dei Goblin… che, per l'occasione, riadattano anche (da par loro) la bella sigla iniziale del programma…! Nel frattempo, godetevi la foto del francobollo che Poste Italiane ha dedicato all'impavido Beniamino

il francobollo filatelico dedicato al grande reitano
(a destra, la dedica di Poste Italiane al grande Beniamino).

Due Grandi in scarpette chiodate

versione calcistica di Celentano e Reitano

(a sinistra, un'inedita e bellissima foto di due grandissimi, in versione calcistica: Celentano e Reitano.
Questa foto è un regalo di un altro mio grande amico, al secolo «Giovanni Italiano» ma per tutti Gió, anch'egli collezionista maniacale e dotato di ottima cultura musicale: grazie Gió! Come vedi ne ho fatto buon uso…!
).

Poco tempo fa ho fatto una figuraccia nei tuoi confronti e, contemporaneamente, dei miei (nostri, soprattutto) lettori, nel riguardo del primo 45 di Elvis. Parlando di JB, pensavo avessi avuto in mano la classica edizione Juke Box ma, leggendo a fondo le tue parole e considerando l'anno di stampa, avrei dovuto accorgermi di chiederti una corbelleria, come effettivamente mi hai poi fatto notare: mi perdoni?
Non capisco, sinceramente, di che figuraccia parli! In realtá, non ho detto «non esistevano ancora le edizioni per Juke Box…», il significato della mia frase voleva essere, «non esistevano quelle RCA…»; del resto escluderei che esistessero edizioni regolari, circuito Juke Boxes, come poi invece vennero create appositamente negli anni '60: ma la certezza non ce l'ho.
Io questo argomento non l'ho mai approfondito, ma mi pare di ricordare qualche singolo RCA in quegli anni, con la classica Label Nera, con un timbro color argento che indicava appunto ‘Edizione Juke Boxes’…

Luca, mi permetto di interromperti e non vorrei dire una corbelleria dietro l'altra:
ma la "x" mi sembra non abbia plurale…!

La finisc(E) di interrompermi? …Posso peraltro assicurarti che le parole che terminano con la X hanno il loro bel plurale:

…e, visto che siamo per correggere, allora si scrive…

Ok, allievo Pandin, lei non mi studia…: quasi quasi (come cantano i…?, i…?: giusto! Nomadi) le do il debito per settembre…

Oh! Oh! …, un bidone per …nascondermi…!

Ad ogni modo, per la sua sicurezza:
Vai al sito grammatica inglese.

…Va bene, va bene: pensavo di dimostrare il mio valore…: grazie Maestro Luca! Faró tesoro di tutto…!

Ehm…! Ehm…! Torniamo alle etichette…; parlavamo dei timbri argentati. Di questo sono sicuro, ma non so esattamente l'epoca di stampa di detti timbri. Ricordo che il marchio RCA stampava alcune edizioni Promo con etichetta bianca e scritte in nero, oppure anche in oro (bellissime)…

Onde evitare confusioni, direi ocra: color oro erano alcune segnature Jolly: o sbaglio?

Ancora? Allora il tuo è un vizio…

Lo ammetto: mi piace pungolare Luca (Hi! Hi! Hi!)

ALLORA: riguardo alle label, te le cerco cosí (quando ti manderó lo scan) vedrai tu stesso. Io scommetterei il mignolo della mano sinistra (!!!) che sono Oro: se, poi, avessi ragione tu e fossero Ocra, …pazienza…! In fondo sono simili! Hi! Hi! Hi!

Mi lasci finire il discorso, adesso? Non so a quando risalgano e per quanto tempo siano state usate: le copie che ho sono dei primi anni '60, al massimo, fine '50.

Peró, escludere a priori, che nel '57 ˜ '58 ci fossero giá dischi destinati esclusivamente al circuito Juke Box, non me la sento, anche se il mio istinto sarebbe quello. È una materia che non conosco benissimo, anzi mi sembra una bella idea da sviluppare. Non sarei, ad ogni modo, cosí categorico.
Sono sicuro nel dire che, a cavallo degli anni tra il '56 e il '57, i dischi che venivano messi negli apparecchi JB erano NORMALMENTE copie di dischi ordinari, forse forniti ai gestori degli apparecchi Juke Boxes veri e propri, con condizioni particolari; probabilmente su qualche copia era applicato il timbro che ti ho detto (devo averne qualcuno, ma direi che sono inizio anni 60, interpreti del calibro Neil Sedaka, Nico Fidenco, Gianni Meccia e giú di lí…); oltretutto stiamo parlando dei PRIMISSIMI dischi stampati dalla neonata RCA (Italiana), per cui, escluderei che sin dall'inizio abbiano pensato anche a questo tipo di dischi.

Una precisazione: nell'articolo Elvis pt.1, hai indicato il disco di cui ti ho mandato la foto quale "Primo disco di Elvis", o una cosa del genere: in realtá è il “MIO, primo disco di Elvis”.
Il primo 45 giri pubblicato (almeno in ordine di cronologia di numero) e che leggendo il mio seguito capirai meglio, è stato:
HEARTBREAK HOTEL / I WAS THE ONE’, RCA N 0470,mentre
TUTTI FRUTTI / TRYING TO GET TO YOU’, è un RCA N 0512.

E qui, il buon Luca, mi ha ribeccato...! Uffa! Nulla sfugge al Tenente Tod…! Opsss (peró, qui vi voglio)! Luca Botto! …, …, …, Come…? …, non ricordate il Tenente Todisco, …?
Ok! Un aiutino…, …!

locandina film In ginocchi da te, G. Morandi, L. Efrikian, N. Taranto, G. Bramieri, R. Pisu

(Locandina del film [da VHS] "In ginocchio da te": vi ricorda il tenente Todisco?).

Abbiamo fatto davvero una bella presentazione a parecchi amici con tanto di foto suggestive: da Marco di Disco Revival a Enry e al suo Disco D'Oc. Ti confesso che, qualche volta, per tirarmi su il morale vado a rileggermi quel servizio! Con Enry si puó fare?
C'è un solo Enry! È unico, davvero! Egli conosce a memoria i codici dei dischi…! A volte mi sorprende! Se non lo conosci bene non immagineresti le sue uscite

Beh, Oddio! Ci sarebbe un piccolo angolo da ripulire in negozio e sebbene, non conosca molto bene un certo 33 giri di una non ben, da lui, conosciuta Rosy…, …, …, (va bene: RCA Italiana, LPM 10371, lo trovate alle pagine sulle mie ricerche di supporti mancanti), …devo confermare!

…Pensa: tempo fa, ero andato a trovarlo (andare da Enry significa, davvero, passare una giornata tra amici) e, mentre guardavo tra la miriade di 45 giri (e non solo: sai benissimo che, lui, ne ha dappertutto, persino nel bagnetto del negozio), mi è arrivato con quella sua classica aria sorniona e sorridente da StraGatt, con in mano un 45 promo RCA (Gianni Morandi) dicendomi:
«Ecco, questo promo ha un numero di catalogo che non è riportato nelle discografie; la canzone c'è solo qui e (forse) su un LP…!».

Al di lá del fatto che, personalmente, G. Morandi non è tra le mie preferenze (ho voluto essere elegante), mi ha colpito per la sua estrema preparazione. Un vero grande!

Ovviamente, da par suo, mi ha dato quel 45 giri al prezzo simbolico di 1 Euro, o giú di lí: anche in queste cose è un grande, se ne potrebbe approfittare e, invece, resta sempre disponibile e generoso. Ce ne fossero!!!

Luca, per caso ricordi gli estremi di quel disco?

Sempre deciso ad andare a “Chi l'ha visto?”, vero?
Andiamo con ordine: intanto, come per il resto dei miei reperti, devo cercarli nel fatidico “garage”.
Nel riquadro/domanda precedente, tu, mi scrivi d etichette RCA, non Oro, bensí color ‘Ocra’, ritenendo mi confonda, negli anni, con la serie del marchio “Jolly Oro”.
Ti posso, peró, confermare che alcune erano color Oro, esattamente come quei “Jolly”…: qualcuna ce l'ho, sia come 45 giri che come 33.
Bah! Ahimè…! Ho capito: mi toccherá cercarle…!
Hai, anche, menzionato il mio Garage. Si chiama cosí perchè, in origine, era davvero destinato a ricoverare la macchina: ora è diventato un deposito di cose dove, se ci metto qualcosa, questo qualcosa viene fagocitato e inglobato e mai piú restituito! Ricordi il famoso film ‘The Blob’? Se mai tu lo avessi visto…, lo potresti paragonare…! …Mi sei giovane, mi sei…! Ti, it sés giôvô coma n'aj…!

Eh, Luca! I'm piàsria dàbon: quanto vorrei darti ragione…! D'accordo non sono …decrepito, ma nemmeno di primo pelo: ad ogni modo, l'ho visto molto tempo fa e, pur non ricordandolo molto bene, rammento la massa informe nera che…

locandina originale film The Blob

(A sinistra la locandina originale del film).

(Ho dovuto cercarla in rete, ma il sito piano piano sequenza mi ha aiutato: Vai alla Pagina Appropriata).

Ok! Ok! Ora: le cose di massa notevole prima o poi ricompaiono, ma cose tipo dischi, ahimè…
Ho buone speranze che il PC, essendo non proprio piccolissimo, possa prima o poi ricomparirmi dinnanzi…: abbi fede, speranza e caritá

Che dici: istituiamo un altro concorso per sapere di un celato LP di cui alle righe appena sopra?

Luca: purtroppo, sei di fronte ad un altro “granata cattivo”. Conosco il tuo pensiero e tante volte vorrei davvero essere come te ma non riesco. Sei da invidiare! Peró quella diattriba con Renzo...
Beh! In fondo, anche da Renzo, non ho visto particolari attacchi alla mia persona solo, forse, una piccola invidia al mio sapere che, a mio modo di intendere e volere, è totalmente fuori luogo. Vorrei ribadire, soprattutto a chi mi sopravvaluta, che il ‘mio sapere’ è attaccabilissimo in qualsiasi momento.
Quanto tutti i ‘saperi’ di chi sa di ‘non sapere’…! Ovviamente qualcuno, invece, non sa di non sapere e quindi pensa che ci si possa dare arie di quel poco che si sa…, o che si ha…!

Beh! Sembra uno scioglilingua, quasi alla pari di quello dell'Arcivescovo di Costantinopoli…, ma rende l'idea! Io, peró, pensavo che tu e Renzo vi conosceste quindi, all'inizio, l'ho reputato un gioco e, ribadisco, conoscendo l'amico del Toro ti garantisco che non è cattivo (credimi; ho io una maggiore «cattiveria») , nel modo piú assoluto; solo che, a volte, si diverte punzecchiando il prossimo!
Mah! Ti confesso che, a volte e sotto certi punti di vista, mi è sembrato un attacco direttamente alla mia persona: questa situazione mi da un certo qual fastidio, anche perchè viene da una persona che, a memoria, non mi conosce.
Credo di aver giá detto che io da ragazzo andavo a vedere sia la Juve e sia il Toro.
La famosa Finale di Coppa Uefa: orco cane (come dice Roby da Brescia) se la ricordo…! Benissimo; e la vissi in prima persona con grande rabbia. Ovviamente tifavo Toro come tutti i veri Sportivi, mentre (altrettanto ovviamente) legioni di imbecilli Juventini tifavano contro.
Purtroppo, in aggiunta, ci sono gli idioti che quando gioca, ad esempio, la Roma o il Milan in Champions tifano contro.
Io, in «Champions League» riesco persino a tifare Inter…! Pensa te!

E qui..., potremmo entrare in dibattiti e controversie da bar, anche se in un mondo virtuale: cominciare a parlare di tifo...! Evitiamo?

Sai che mi sto quasi abituando alle tue interruzioni…? …Dicevo del tifo: si sa, c'è posto per tutti.

una bella cravatta granata

(a destra, una cravatta [logicamente granata], …, …, …: cosa significa? Seguite il prossimo LucaPensiero!).

Questa volta hai, peró, ragione tu: torniamo all'amata musica! Parlavamo di punzecchiature: il dischetto di Elvis o di Pinco Pallo, puó essere una cravatta che mi metto e mi tolgo, nulla aggiunge e nulla toglie a ció che sono io. Per cui puó capitare che la cravatta resti sullo schienale della sedia, mentre io sono andato a fare altro… Perchè no: magari a “fare sesso” (oggi si dice cosí! Anni fá, s…! Lasciamo stare) proprio col partner di chi, nello stesso momento, sta pensando di avere una cravatta piú bella della mia e la sta cercando per poterla esibire trionfalmente…!

Accipicchia che LucaPensiero profondo: fa quasi concorrenza a Ten, Platone e Confucio! Grande Luca.

Non voglio offendere o fare allusioni nei confronti di qualcuno, ma quando si scrive bisogna essere convinti di ció che si scrive: l'italiano, come tu accennavi, è una lingua bellissima, figlia di un latino ancor piú elegante e intrigante! Non storpiamolo con inutili fraseggi inconsistenti. Qualcuno vuole minare il mio sapere? Ben venga! Ho soltanto da imparare: ma non mi si prenda per il c… (Ehm! Ehm!), in giro!
E poi, godere della Juve in B, nel modo in cui ci è andata…

…e in questo sto con Luca! Una bella retrocessione sul campo…!
No…!
Lucaaa!
Metti giú il fucileeee! “BANG!!!!”.
Per fortuna, il colpo, è andato a vuoto!

…Che puzza di polvere da sparo…: peccato che non ho piú la mira di una volta. “Mumble…, Mumble…”, devo peró pulire la mia doppietta! …DICEVO: mi sembra veramente come colui che si faceva la famosa Sega Tibetana…!
…, Come? Sei rimasto lí come un salame dai capelli verde-rame (ed anche qui, volendo…)! …Non la sai?
La prossima volta te la racconteró…! Assieme alla nuova cravatta…! Oops…! Con la seconda parte di Elvis…!

Quanto a 'sto impertinente 45 pcf, pfc, pdf, …, o qualsiasi altra diavoleria sia: lo ammetto! Non so cos'è!
Spero nel ‘tuo amico’: mi illumini a sí tanto …sapere, cosí potró fregiarmi anch'io da esperto in materia
.

Luca, piú volte ti ho invitato a raccontarti: mi piacerebbe raccontare…:
Ancora? Tu ce l'hai proprio con la mia storia. Intanto: io ho vissuto la mia vita intensamente, da uomo: amori, dolori, esperienze, tanto e per tanto tempo. Il fatto che, marginalmente, io collezioni dischi, è una piccola variabile che non mi rappresenta minimamente.
Non posso raccontare la mia vita, fatta di dolori e di gioie, di sentimenti e di esperienze, tanto potrebbe essere capita solo da chi, a sua volta, abbia vissuto in un certo modo: infine, non interesserebbe, ne sono certo.
Oggi vanno di moda i fasulli, quelli che si esibiscono, che mostrano ció che hanno fuori, ma dentro hanno, …, nulla. Le Tv, in particolare, sono piene di persone simili.
Io sono tutt'altra essere…: piemontese estraneo a tal mondo.
Esibisco poco, quindi caschi male.

Non posso far altro che darti ragione ma, forse hai male interpretato la mia richiesta: io non vorrei conoscere gli affetti e avvenimenti della tua vita perchè TUOI e SOLO TUOI, con il sacrosanto diritto di non mettere in piazza effetti/affetti personalissimi. A me, sinceramente, piacerebbe raccontare il tuo iter (non Inter) da collezionista per la ragione che, dai tuoi trascorsi in merito, noi lettori possiamo trarre ottimi insegnamenti; un loro eventuale coinvolgimento nel collezionismo musicale (ma anche nostro; la vita, da qualsiasi angolo tu la possa guardare è un insieme di lezioni ed individui dai quali imparare) deve avere riferimenti.
Anch'io, nella mia storia, mi sono raccontato magari, anzi senza dubbio, annoiando. Ho, in pratica, voluto spiegare ad occhio attento le vicissitudini che mi hanno portato a conoscere il collezionismo musicale, comunque, senza scendere in particolari (diciamo) intimi: ho soltanto scritto, in particolar modo, per far capire che collezionare è una scienza! Nemmeno tanto facile da imparare! Ci vuole soprattutto pazienza ed è, questa, una particolaritá rara e tremenda da capire in questo moderno mondo a …corsie di sorpasso! Probabilmente, la recepisci soltanto quando si è sperimentato sulla propria pelle quante fregature trovi dove non ti aspetti: e le tue parole su Enry (che, scherzi a parte, approvo in pieno e sono sicuro che lo stesso Enrico possa garantire questi miei pensieri; non dimenticherei, comunque, gli altri presenti dai quali attingere) danno un bell'esempio di persona schietta e onesta: in pratica un sicuro riferimento.
Da quando colleziono, nessuno mi ha qualche volta fatto e insegnato tali spigolature: non è sufficiente inanellare un supporto dopo l'altro.

Onde evitare di escludere ipotesi, ricordo un professore di Reggio Emilia, amico di Sergio, che mi accennó proprio sulla tenacia, pazienza e volontá di ricerca. Lo conobbi, peró, alle mie prime armi per cui non pesai in giusta misura le sue parole, rimanendone quasi indispettito, perchè invidiavo il suo “avere”: questo è, ancor oggi, un grosso rammarico, anche se paragone che rafforza la mia tesi!

Mah! Condivido e approvo la tua teoria e potrei anche...! Vedremo!

Ciao Luca e grazie della passeggiata;
Ciao Paolo, alla prossima. Stame bin!

il tenente Colombo ovvero il grande Peter Falk

Dante Alighieri meno severo

In questa ipotetica passeggiata, mi sono trasformato da Paolo in Dante Alighieri, coll'inseparabile impermeabile e taccuino del Tenente Colombo, lasciati a tutti noi in ereditá dall'indimenticabile Peter Falk: nozioni di base ce ne sono in abbondanza (non il bravo speaker - spero di non aver sbagliato - di Radio Italia, mi raccomando): fatene buon uso come cerco di fare io stesso. Ringrazio Luca per la sua saggezza ed estrema disponibilitá: leggete con cura queste "Istruzioni per l'Uso"! Capirete quanto sia difficile restare con i piedi per terra ma, semplicemende adottando molto buon senso, sia altrettanto facile restare VERO UOMO.

(da sinistra a destra, le foto dei due mitici ed indimenticati personaggi, Peter Falk, nei panni del tenente Colombo e Dante Alighieri).

Giunti al termine delle tante perle, come potrebbe finire questa pagina se non con:

…ma non eran da ció le proprie penne:
se non che la mia mente fu percossa
da un fulgore in che sua voglia venne.

A l'alta fantasia qui mancó possa;
ma giá volgeva il mio disio e 'l velle,
sí come rota ch'igualmente è mossa,
l'amor che move il sole e l'altre stelle.

(Dante Alighieri, la Divina Commedia; Canto I, Inferno [inizio articolo] e Canto XXXIII, Paradiso).

(Attinto versi iniziali (Canto I) e finali (Canto XXXIII) dal sito Mediasoft, Vai alla Home Page MS).

© Adattamento, licenze poetiche e arrangiamenti, Paolo, 14/07/2011; risposte avute da Luca nell'arco degli anni con la nostra amicizia.

(Al momento della stesura di questo articolo avevo riassunto, in linea di massima, gli scambi di opinioni tra Luca e me, nel corso del tempo, adattando i vari passaggi ad un'ipotetica passeggiata. In questi ultimi giorni, peró, sono emerse nuove ipotesi, congetture e qualsivolglia affermazione, da poter dare un seguito alla stessa passeggiata: perció armatevi di coraggio e pazienza e seguiteci nella futura seconda parte che prenderá corpo quanto prima).

Vai alla Home Page di ESCC/79.

Vai alla Pagina le Nostre Recensioni.

Vai alla Pagina a Passeggio con Luca, pt.2.

Pagine

4 Domande…
A passeggio con Luca
Amici ESCC/79
Archivio
Collane '70
Dedica dal Cuore
Essere o Non Essere?
Canzoni al G. Canyon
Il CICoM
Il Disco ESCC/79
Indice Brani
Enciclopedia Marchi
La Mia Storia
Le mie Ricerche
Oggetti Dimenticati
Aggiornamenti in Sequela.
Tram e Canzoni
Un Libro, Un Book
Un Tocco di Jazz
Una nota qui, una lá

Articoli